Gli Usa non hanno piu' alcun controllo formale sulla rete: da oggi, infatti, la supervisione del sistema dei nomi di dominio, il cosiddetto Dns, ovvero l''indirizzario' Internet, e' passata pienamente nelle mani dell'Icann, l'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers, ente no profit californiano.

Per i singoli utenti non dovrebbe cambiare nulla ma la svolta nella governance - a cui si lavorava da molti anni - ha una grande importanza dal punto di vista simbolico: la garanzia della piena indipendenza della rete, non piu' sotto il controllo di un singolo Stato ma di un organismo che, almeno in teoria, dovrebbe muoversi sotto l'egida internazionale.